Matera, scoppia la guerra delle aule in vista della ripresa della scuola

MATERA – L’aula per le lezioni con gli strumenti ad archi nella vice presidenza, quelle per gli strumenti a fiato nell’aula magna e la musica da camera nella sala professori. Al liceo “Stigliani” che ha quattro indirizzi, Scienze Umane, Economico-sociale, Musicale e Linguistico, hanno imparato a fare di necessità virtù.
Colpa degli spazi necessari per il regolare svolgimento delle attività didattiche, ben al di sotto delle esigenze effettive. Adesso, dopo numerose interlocuzioni con l’Amministrazione provinciale e comunale nei mesi scorsi, l’istituto invoca un intervento che possa consentire l’avvio delle lezioni dell’anno scolastico ormai alle porte, senza disagi per gli studenti e gli stessi docenti.

La prof.ssa Rosanna Papapietro ha ottenuto la titolarità come dirigente scolastico dal 1° settembre 2017. «Già quando mi sono insediata come reggente il 1° marzo dello stesso anno – dichiara – avevo constatato che gli spazi disponibili per le attività didattiche erano insufficienti in proporzione al numero delle classi. Ragion per cui mi ero subito attivata incontrando i rappresentanti della Provincia. A fronte di 31 aule abbiamo 41 classi, quindi 10 classi, necessariamente, andrebbero ubicate altrove. In realtà servirebbero 11 aule perché il nostro Istituto ha chiesto ed ottenuto un Pon per il Liceo musicale, fondamentale per lo studio della disciplina musicale con relative lezioni e prove laboratoriali. Con enormi sacrifici – prosegue – la prof.ssa Papapietro – siamo riusciti a razionalizzare alcuni spazi della scuola media “Nicola Festa” ricavando 6 aule pur ne non tutte della giusta capienza e con le finestre. Per questo, giocoforza, alcune attività sono state “dirottate” nell’aula professori, nell’aula magna e nella vice presidenza, e come dirigente scolastico, condivido una stanza con la segreteria. A questo punto per il prossimo anno scolastico servirebbero altre 6 aule perché gli spazi sono davvero ridotti all’osso. Ci siamo sempre attivati in tutte le sedi istituzionali già da marzo 2017. Non è nostro intento mettere in atto una contrapposizione con alcuna scuola. Chiediamo – afferma la dirigente scolastica del Liceo “Stigliani” – di poter disporre di 6 aule, necessariamente allocate in un’unica struttura per poter organizzare le lezioni e garantire ai docenti l’ora di percorrenza».

Venerdì scorso all’interno del Liceo era stato attivato un presidio come momento di confronto e di discussione aperto proprio per focalizzare la questione sulla situazione logistica dell’istituto che opera in via Lanera sin dagli anni Sessanta e vanta una lunga e consolidata tradizione.
L’istituto nacque addirittura nel 1888 come Regia Scuola Normale per conferire la patente di scuola elementare per trasformarsi in Istituto Magistrale nel 1923 per effetto della Legge Gentile.



Fonte


Conosci già Matera? Mettiti alla prova con un quiz!Inizia il quiz