Addio a Leonardo Sacco giornalista e scrittore con Matera nel cuore


MATERA – E’ morto ieri sera, nell’ospedale di Matera, all’età di 94 anni, il giornalista e scrittore meridionalista Leonardo Sacco, tra gli ultimi depositari della memoria degli eventi che portarono, nell’immediato Secondo dopoguerra, al dibattito sul recupero dei rioni Sassi di Matera.
La sua opera è inscindibile dall’esperienza del laboratorio sul recupero sociale, urbanistico e architettonico dei Sassi promosso dall’imprenditore Adriano Olivettti, con la realizzazione del Borgo La Martella e il concorso internazionale di idee per il recupero degli antichi rioni di tufo. Sacco, fu attivo anche sui temi urbanistici e nell’analisi del rapporto tra politica, potere e legalità. Molto noto – e ripubblicato negli anni scorsi – fu il saggio intitolato «Il Cemento del potere», sugli scempi edilizi avvenuti a Potenza, e «l’Orologio della Repubblica» (del 1996), o di analisi sulla storia di Matera. Nel 2012 la Regione Basilicata acquistò per la simbolica cifra di un euro la sua biblioteca, che conteneva migliaia e migliaia di libri, riviste e documenti. Ma ad oggi nulla stato classificato e digitalizzato. Sacco ha avuto anche esperienze politiche nelle file del Pci e ha ricoperto per un breve periodo la carica di assessore ai Sassi, con il Prc.

La camera ardente è stata allestita nell’ex ospedale San Rocco e sarà aperta oggi pomeriggio, alle ore 16.30. I funerali, con rito civile, si svolgeranno domani, sempre nell’ex ospedale San Rocco, alle ore 16.



Fonte


Conosci già Matera? Mettiti alla prova con un quiz!Inizia il quiz